carne o non carne, fast fashion, km zero cosa ne penso

Oggi vi voglio parlare di un piccolo grande cambiamento che da un po’ di tempo è avvenuto nella mia vita. Prendo come punto di riferimento (anche se ovviamente il mio cambiamento è avvenuto molto prima) il video di Francesca che sul suo canale The Bluebird Kitchen ha postato: ‘Perché non mangio più carne’.

FERMI LI’! NON SONO DIVENTATA VEGETARIANA E NON E’ NEMMENO UN POST INCENTRATO SULLA CARNE MA

siccome è un video che attraversa vari punti che fanno tutti parte di un’unica consapevolezza, mi sembra un buon punto di partenza per spiegare anche le mie motivazioni. Riassumendo Francesca, dopo essersi documentata (e sotto al video trovate i vari link) ha raccontato un po’ cosa si cela non solo dietro tutta la moda usa e getta (aspetti che già un po’ conoscevo) ma anche dietro al nostro modo di consumare il cibo. Conoscevo già alcuni lati negativi degli allevamenti intensivi ma in effetti mi era sfuggito l’aspetto ambientale, ossia il fatto di depauperare la terra di tutte le sue risorse a una velocità sempre maggiore. Il discorso è un po’ complicato e vi consiglio di guardare il video dove viene spiegato molto meglio e soprattutto senza quel tono accusatorio o superiore che si ritrova solitamente nei video del genere (motivo per il quale l’ho ascoltato davvero con piacere).

Diciamo che da un po’ di tempo cerco di essere un po’ più consapevole dei risvolti delle mie scelte di consumatore, sia per me stessa sia per lasciare un mondo un po’ più decente a mio figlio. Sulla moda low cost si potrebbe aprire un grande capitolo dallo sfruttamento dei lavoratori fino agli ingenti danni all’ambiente (visto che in certi Paesi non ci sono leggi sullo smaltimento delle sostanze nelle fabbriche) ma non è questa la sede. Sarei bugiarda a dire che non entro mai in uno Zara o in un H&M (o che prima di acquistare un brand vado a spulciare per capire da dove arrivano i loro prodotti), però diciamo che ho colto il lato positivo di questa nuova consapevolezza tirando le seguenti conclusioni:

– ho smesso di comprare pezzi di guardaroba da poco che poi vestono male e si rovinano alla velocità della luce

– ho smesso di riempirmi di abbigliamento che mi occupa spazio nell’armadio e indosso una volta ogni morte di papa

– ho smesso di sentire il bisogno di accumulare. Di conseguenza mi godo molto di più quello che acquisto e lo sfrutto il doppio rispetto a prima

– tuttavia per il ninja non posso né voglio spendere più di tanto per un guardaroba che di fatto cambia ogni 8 mesi, ragione per cui acquisto ancora in queste catene. Ogni tanto aggiungo anche pezzi di seconda mano (però non se ne trovano più di tanto) e pezzi invece più costosi di aziende fantastiche ma che appunto non possono comporre tutto il suo guardaroba. Per quanto mi riguarda qualcosina da Zara lo prendo ancora perché mannaggia quanto mi piace Zara! Però davvero ho ridotto drasticamente.

garment-workers-and-their-unions-Solidarity-Center

pic via themerrygoround.com.au

Passando all’aspetto food, non chiedetemi di diventare vegetariana né tantomeno vegana. Io sono onnivora, mi piace variare e trovo che il cibo sia un elemento importante non solo per sopravvivere ma anche come momento conviviale e di esplorazione del mondo, infatti mi piace provare tutte le cucine sia quando viaggio sia comodamente nella mia città.

Il mio piccolo contributo è dato dalla scelta di quello che acquisto. In particolare compro sempre meno carne al supermercato e sempre più in allevamenti locali che rispettano animali e ambiente. Se siete di Bologna o dintorni, in particolare io vado qui e qui. Tra l’altro devo dire che come sapore è davvero un altro mondo!

13686886_151008311991409_101856994_n

Pic via @golinelli1975

Per quanto riguarda frutta e verdura, da un bel pezzo compro quasi esclusivamente locale ma da qualche mese ho provato un servizio che mi piace moltissimo. Non è una collaborazione e ve ne parlo proprio perché è un bellissimo progetto: Local to You. Ogni settimana si può scegliere tra 3 dimensioni di cassetta contenente verdura a km zero e biologica, alla quale aggiungere eventualmente anche la frutta, e con la possibilità di sostituire alcune varietà che magari non vi piacciono. La cassetta viene poi consegnata a domicilio. Oltre alla comodità, oltre a tutti gli aspetti positivi del bio e km zero, questo servizio fa sì che consumiamo molti più prodotti di stagione che normalmente io avrei snobbato. Sono diventata decisamente più sperimentatrice in cucina e ho scoperto nuovi sapori e abbinamenti (che poi il prodotto di stagione ti dà tutti gli elementi nutritivi giusti per quel periodo dell’anno). Ovviamente questa realtà riguarda solo Bologna e dintorni ma sicuramente ci sarà qualcosa di valido anche nelle altre regioni.

14726298_319385455085581_5302367577677234176_n

pic via @localtoyou.it

Ecco in sintesi qual è stato il mio cambiamento, che ovviamente si ripercuote positivamente anche sul resto della famiglia. E’ un contributo davvero piccolissimo lo so bene ma per natura non sono mai stata un’estremista su quasi niente e anche in questo caso mi pongo nel mezzo, e francamente mi danno anche molto fastidio quelli che prendono una posizione e sparano a zero verso chi non ha fatto la loro scelta.

484539_491184150892077_1362396149_n

pic via movimente.it

Mi piacerebbe sapere qual è il vostro punto di vista 🙂

a Londra per mercatini parte 2

Ed eccomi finalmente con la seconda parte del mio weekend a Londra per mercatini.

La mitica @rosannathequeen mi ha suggerito di fare tappa a Brick Lane, zona in cui ci sono diversi negozi vintage e di domenica il mercato. Andare in quella zona mi è  piaciuto veramente da impazzire, sia perché si trovano tante cose interessanti, sia perché si respira un po’ di vera Londra, quella underground e giovane.

Le strade dell’East End sono multietniche e ti danno l’idea di non essere un’attrazione per turisti ma un luogo frequentato anche dai londinesi stessi. Ti puoi perdere seguendo il flusso delle persone, i profumi speziati e la musica, per sbucare al Sunday Upmarkert e al Backyard Market. Il primo si trova all’interno del vecchio ex birrificio Truman, una struttura decisamente in stile ‘vecchia Londra industriale’ con spazi sia al chiuso che all’aperto nei quali trovare principalmente vintage ma anche artigianato. Il secondo invece è proprio più improntato sui giovani designer e creatori, anche questo vale assolutamente la pena.

IMG_7734 FullSizeRender_5 FullSizeRender IMG_7746

Se non fossi stata sicura che si sarebbe rovinato durante il viaggio, avrei assolutamente comprato uno dei fiori rosa fissati sul cubetto di marmo. Ho adorato questo banchetto!

IMG_7738 IMG_7743 FullSizeRender_1 FullSizeRender_2 FullSizeRender_3

Veniamo adesso al mio shopping. Sono stata piuttosto bravina complice il tempo ridotto e il solo bagaglio a mano 😛 In questo negozio stupendo del quale – ahimè – non ricordo il nome, ho acquistato i pantaloni rosa che vi ho fatto vedere anche su Ig. Rimangono rigidi e lasciano la caviglia nuda, favolosi.

IMG_7750 IMG_7501

Altro paio di pantaloni però in tessuto più pesante, sempre piuttosto rigido, neri con una fantasia ricamata color oro.

FullSizeRender_6

 

Un maglione vintage in lana 100% a ben 20 pound

 

IMG_7638

Una tee per il ninja al market di Spitafield

FullSizeRender_2

Un’adorabile cuffia fatta a mano presa in un negozio a Brick Lane

IMG_7811

Una borsa a tracolla in pelle grigia scura e nera sulla quale mi hanno inciso le iniziali

FullSizeRender

e questo buffo cappello sempre allo Spitafield che stato molto apprezzato 😛

FullSizeRender_1

IMG_7533

 

Al prossimo giro voglio assolutamente andare al Broadway Market e al Columbia Flower Market!