STIAMO SVUOTANDO LA NOSTRA VITA IN CAMBIO DI UN LIKE?

Perché non voglio essere una mamma con un cavalletto in ogni stanza

Io proprio non mi ci vedo con un cavalletto pronto a tenere il mio telefono mentre riprende scene intime della giornata.

O forse è proprio questo il problema: che non sono ‘scene’, è vita vera e voglio che rimanga tale.

Lo so, l’algoritmo dei social è una bestiola poco simpatica, con cui tutti vorrebbero socializzare ma che spesso non si lascia prendere.

Ma la domanda che mi sono posta – e che ho posto anche ad alcune delle persone che lavorano insieme a me – è: a quale prezzo?

Vuoi aumentare i followers.

A quale prezzo?

Vuoi aumentare le views.

A quale prezzo?

Perché come ci insegna quel film denso di saggezza che è “I love shopping”, valore e costo non sempre sono la stessa cosa.

Insomma, un motivo c’è se si chiamano ‘vanity metrics’, ovvero valori numerici volti ad appagare la nostra vanità.

Non voglio entrare nel merito di discorsi come strategie di comunicazione o ripetere per l’ennesima volta che tanti followers o views NON significano tante conversioni, ma semplicemente vorrei rigurgitare una cosa che proprio non mi va giù.

Parlo nello specifico di mamme perché sono una mamma e perché per anni ho condiviso le foto dei miei bambini. Certo, era facile, con una foto di un bimbo ben vestito o paffutello o divertente, i like arrivavano senza problemi.

Che poi io abbia fatto scelte diverse è stata una decisione a lungo ragionata, e non sto assolutamente dicendo che sia l’unica strada. Per altro metto ancora i loro visi nelle stories.

Quello di cui però non mi capacito è la scelta di rendere la propria vita, i propri rapporti familiari, quei momenti che dovrebbero essere vissuti appieno una specie di The Truman Show.

Scene che di reale non hanno davvero nulla, create totalmente per ricevere consensi, a volte con discorsi che stanno semplicemente scimmiottando tematiche importanti.

Oppure momenti intimi modificati e imbellettati per essere giusti per la telecamera.

O ancora, bambini lasciati piangere per poterli riprendere, malattie (perfino in ospedale) che diventano un pretesto per raccogliere consensi.

Tutto diventa spettacolo. Ma a quale prezzo?

Per come è strutturata la nostra mente, coltivare la presenza momento per momento è una sfida già abbastanza difficile. Molte volte ci troviamo a pensare ad altro, tanto che il tempo sembra sempre scivolarci tra le dita.

Ma se viviamo in funzione del raccogliere scene per il nostro pubblico, quanto rimane di sentito e vissuto appieno di quel momento?

E se non ci fosse un mirino a riprenderti, agiresti nello stesso modo? Diresti le stesse cose? Ti truccheresti come a una festa per cambiare il pannolino a tuo figlio?

Sia chiaro che non voglio mettermi al di sopra dei labirinti mentali in cui social ci trascinano, né dare la colpa allo strumento in sé, perché ci sono tanti aspetti positivi e siamo noi a scegliere come utilizzarlo.

Voglio solo lanciare nell’aria uno spunto per chi almeno una volta ha desiderato maggior visibilità, magari senza nemmeno sapere il perché nel concreto.

Vale la pena barattare numeri per tempo?

Perché quello che ci viene richiesto è usare il nostro tempo per costruire la finzione, ma non solo.

Tutte quelle ore in cui invece di giocare per davvero con i nostri figli, di essere connessi mentre diamo loro da mangiare, mentre li mettiamo a letto, mentre insieme stiamo guardando qualcosa di bello… tutte quelle ore in cui almeno metà del nostro cervello era focalizzato sulla resa pro social, non sono forse andate perse da qualche parte?

HO 30 PAIA DI SCARPE, MA SONO MINIMALISTA

Meno etichette, più stati d’animo.

‘Ho ancora talmente tante cose’, mi dicevo fino a poco tempo fa.

Ed è vero, per quante ne abbia donate o buttate, la casa sembra sempre produrre nuovi oggetti, giochi, suppellettili da cucina, vestiti.

‘E poi come posso dirmi minimalista che vedo così tante cose che mi piacerebbero…’

Ed è vero, mi piacciono!

È autunno e mi piace quella nuova candela fatta a mano, le ballerine in velluto, il cardigan vinaccia.

Mi piace anche quel cappotto… che sarebbe l’ennesimo!

Trovo desiderabili tutte queste cose ma – alla fine – non le compro.

Cosa mi ha aiutato a ridurre parecchio gli acquisti?

Tante cose a dire il vero ma soprattutto una tattica semplice: prima di comprare aspetto almeno un giorno e poi passo alla fatidica domanda… Mi serve davvero?

La risposta, che ve lo dico a fare, nove volte su dieci è no.

E attenzione, nel sì non rientrano SOLO cose necessarie per la sopravvivenza (il cibo non lo metto nemmeno in lista) ma cose che arricchiscono la mia vita, che so che non finiranno subito nel dimenticatoio. E spesso non sono nemmeno cose, sono esperienze, e quelle sì mi servono come l’aria.

A volte la prendo quella candela profumata perché è una coccola nelle giornate fredde, ma ne prendo una o due, non 120.

Ho da poco avuto un‘illuminazione anche se non è farina del mio sacco: quando compriamo qualcosa, non diamo in cambio i nostri soldi ma il nostro tempo.

E io voglio davvero dover lavorare come una pazza per comprare montagne di roba? O voglio continuare ad amare il mio lavoro senza andare in burnout?

E voglio continuare a cercare disperatamente quello che mi serve nei mobiletti del bagno, nell’armadio o nelle ante della cucina, perché c’è talmente tanta roba che non si trova nulla?

Voglio passare le giornate a riordinare? A lavare? O a vivere la vita?

Voglio potermi permettere un corso e/o una vacanza?

Queste sono state tutte domande che mi hanno aiutato e mi aiutano tuttora a frenare il desiderio di shopping. Perché viviamo in una società basata sul consumo e siamo letteralmente bombardati di messaggi pubblicitari più o meno espliciti… non è colpa nostra se desideriamo continuamente.

Cerco di acquistare quello che mi porta valore, che mi arricchisce.

E non c’è una risposta uguale per tutti sia chiaro. Ci sono cose che amo avere e a un’altra persona non interessano – e viceversa. Ognuno sa cosa gli serve per arrivare a sera soddisfatto.

E le 30 paia di scarpe? 5 anni fa saranno state 50… Le butto un po’ alla volta, quando si distruggono o quando mi rendo conto che non le metto mai. Ma non c’è motivo di eliminarle solo per il gusto di farlo. Rimarrò sempre una a cui piace indossare una bella scarpa, ma sapete cosa?

Meno etichette, più stati d’animo.