Perché avevo perso la voglia di scrivere qui (davvero)

‘Non ho tempo’

‘Non ce la faccio’

‘Lo riprenderò in mano a breve’

Queste e tante altre le scuse che mi sono inventata per non tornare sul luogo del delitto, che poi sarebbe questo qui.

Sicuramente il lavoro che è cambiato e l’arrivo di un secondo bambino mi hanno prosciugato parecchie energie, ma la vera verita è che, anche quando avrei potuto ricominciare a scrivere, non l’ho fatto.

Negli ultimi mesi qualcosa detro di me si è mosso e mi sono posta con onestà la domanda: ‘Vuoi chiudere il blog? E non rispondermi che ce l’hai dal 2013. E non rispondermi che ogni tanto qualcuno ti dice che gli manca leggerti. Non dirmi nemmeno che ti dispiace! Fammi sapere se hai davvero intenzione di tornare, e se decidi di sì, fallo per davvero’.

Ed è ecco che improvvisamente ho colto l’aspetto davvero ironico della situazione.

Io che molto spesso scrivo consigli e riflessioni sul non temere il giudizio degli altri, io che quando voglio fare davvero qualcosa vado a testa bassa e che ripeto a mio figlio (all’altro no ma solo perché ancora non parla) ogni giorno quanto sia importante ragionare con la propria testa/essere liberi/decidere per se stessi e non per gli altri. Insomma, io. Ecco, io avevo paura del giudizio.

in che senso? verdone

Forse ‘temere’ non è la parola più appropriata ma per fartela breve ti elenco le domande/riflessioni che mi hanno inconsciamente portato a frenarmi:

‘Gente che non voglio che sappia i fatti miei, saprà i fatti miei’

‘La mia vita non è poi così interessante da scriverne’

‘Non penso di avere opinioni così eclatanti da farci un post sopra’

‘E’ pieno di mamme. E di blog. E di blog di mamme’

‘Poi arriva il commento cafone e mi tocca anche incaxxarmi perché apprezzolecritichecostruttive ma col cavolo’

E… Gran finale

‘Ma qualcuno li legge ancora i blog?’

A quest’ultima domanda, dopo studi di settore, posso serenamente rispondere sì, i blog insistono – persistono – raggiungono e conquistano.

Per quanto riguarda le altre obiezioni, mi sono data un’unica risposta: scrivi per scrivere. Quando ho iniziato infatti, scrivevo per il gusto di farlo, perché all’epoca non lo facevo per lavoro e mi mancava come l’aria. Ricordo che l’unico dispiacere che ho avuto una volta terminato il liceo, è stato il pensiero: ‘Chissà se e quando ricomincerò a scrivere’.

E se per caso tu che mi leggi hai un blog in crisi o vuoi aprirne uno personale, ecco il mio modesto ma cazzuto consiglio: scrivi per scrivere.

Non pensare a chi ti leggerà (cioè, pensaci per rendere la tua scrittura fruibile al massimo ma non ammalarti cercando consensi per forza), perché tanto non si può piacere a tutti.

E se chi che legge si fa qualche idea su di te, e se ha bisogno di sfogare la sua frustrazione, e se a quello non piaci, e se arriva la prozia che poi alla cena di Natale ti attacca la pezza su quando hai scritto che odi il suo stufato, pazienza!

Tu scrivi per scrivere, e vedrai che funzionerà.

4 pensieri riguardo “Perché avevo perso la voglia di scrivere qui (davvero)”

    1. Quando ci si blocca è importante andare a fondo per capire le ragioni, sono contenta di essermi parlata onestamente 🙂 Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.