Nuova collezione Geox e decalogo per affrontare certi eventi

In passato ho collaborato con diverse realtà. La mia regola per le collaborazioni è semplice: dico sì se il prodotto mi attira (anche se chiaramente va testato) e se non ho vincoli particolari nel presentarlo (no alle foto promozionali tutte uguali, no all’obbligo di scrivere certe cose). Queste sono le mie regole ma naturalmente ognuna si affida alle sue personali.

Geox è come sapete una delle aziende con le quali sto collaborando. Ho accettato volentieri perchè stimo il brand per la sua attenzione alla traspirazione delle calzature, alle materie e all’occhio di riguardo che usano per ciò che riguarda il mondo bambino. Matteo le porta ai piedi da quando ha iniziato a camminare e ci siamo sempre trovati bene. Tra l’altro nella nuova collezione è presente il bollino ‘Tuv Sud’ che certifica non solo un’alta attenzione ai materiali ma soprattutto che sono stati seguiti criteri conformi alle leggi di rispetto ambientale.

_DSC9751 _DSC9833 _DSC9834 _DSC9835

E’ stato un piacere partecipare alla presentazione della nuova collezione per l’inverno e naturalmente ho già individuato un paio di cose che voglio acquistare:

un piumino con la parte centrale imbottita e le maniche e il cappuccio in neoprene giallo o blu per il ninja, super traspirante.

_DSC9818

un paio di stivaletti neri per me, super comodi e idrorepellenti (del genere confortevole per tutti i giorni ma con stile) a scelta tra i seguenti due. Quando li ho presi in mano sono rimasta colpita dalla morbidezza e dalla leggerezza, infatti onestamente non pensavo affatto tenessero l’acqua e invece sono pensati apposta.

_DSC9762 _DSC9765

Se anche voi dovete partecipare ad un qualche evento che vi porta in mezzo al magico mondo delle influencer (che nome di cacca XD) vi lascio alcune regole base che vi permetteranno di sentirvi a vostro agio. Non si va mai in mezzo alle influencer:

. senza smalto. L’unghia nuda è IL MALE

. senza indossare un must di stagione. Nel caso specifico del momento portate a scelta: qualcosa di pseudopelle, qualcosa di rock, qualcosa a righe, pantaloni all’acqua-in-casa, gonna-pantalone, stampa fiori/insetti

. senza che i capelli abbiano almeno una delle seguenti caratteristiche: piega mossa, treccia elaborata o comunque in posizione bohemien, fascia in stile anni 50, taglio corto asimmetrico, frangia, tintura lilla/rosa/azzurro sbiadito su capelli rasenti il bianco

. senza sopracciglia perfette

. senza cellulare, sennò state a casa.

Io mi diverto lo ammetto, in queste occasioni rivedo sempre qualche faccia amica e conosco invece qualcuno di nuovo, e a me conoscere nuove persone piace.

_DSC0008

Venire bene nelle foto? Giusto il giorno del matrimonio.

_DSC0012

_DSC9866

Tranquille anche io ho rispettato le regole precedenti: indossavo smalto Essie (Cute as a button), questi pantaloni di Zara e la giacca di Sandro Ferrone (uno dei miei capi passepartout) un pelino rocchettara così come le scarpe, ovvero delle Licia Florio in sughero e pelle argentata simili a queste ma con delle cattivissime borchie applicate.

Vi lascio con alcune delle scarpe che preferisco della nuova collezione a/i 16-17

_DSC9813 _DSC9774 _DSC9772 _DSC9796

_DSC9770 _DSC9771 _DSC9803 _DSC9805 _DSC9808

Questa voce è stata pubblicata in collaborazioni, shopping e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Nuova collezione Geox e decalogo per affrontare certi eventi

  1. claudiag scrive:

    Sei molto simpatica, e la collezione mi sembra interessante.
    Sono contenta di non essere una “influencer”, perchè tra tutte le cose che hai indicato come essenziali, mi sentirei abbastanza persa….

  2. Grazia scrive:

    Ciao!
    Purtroppo il trend qualitativo di Geox è in picchiata da diversi anni (parlo delle collezioni bimbo, perchè non ho mai acquistato altro). I miei figli hanno 11 e 8 anni, e quando erano piccoli ho spesso acquistato i loro prodotti trovandomi però via via sempre peggio, e non solo perchè crescendo i bimbi mettono sempre più a dura prova le loro scarpe, ma proprio per la qualità dei materiali utilizzati.
    Se ci aggiungiamo che, viceversa, i prezzi aumentano parecchio ad ogni nuova stagione, il brand per me non è più interessante da tempo.

    • Manuela scrive:

      Ciao Grazia, diciamo che come hai scritto tu la durata e il consumo di un paio di scarpe su un bimbo più grande è diversa, io valuto in base al consumo di Matteo e al mio utilizzo e mi trovo molto bene, vedremo poi in futuro se cambierà qualcosa. Un bacione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.